Scarola alla napoletana

23 Febbraio 2019lericettediluci2015

Qualche giorno fa, mentre aspettavo in aeroporto un volo per Torino che è decollato con tre ore di ritardo, mi sono studiata le statistiche del mio blog. E sapete quali sono le ricette più cliccate? Quelle tradizionali. In pole position la pasta e patate (ricetta del mio amore che si gonfia come un pavone ogni volta che gli mostro le statistiche); a seguire la Genovese, sua Maestà!; il Gattò di patate e il Sartù di Riso.

La cosa mi ha fatto sorridere perchè ho subito pensato all’elenco che ho di ricette da fare “prima o poi”, “quando troverò l’ingrediente”, “quando avrò tempo di aspettare in casa che lieviti”…ecc..ecc
A differenza di molte di queste ricette, quelle della mia tradizione sono sempre presenti a casa mia, nel quotidiano. La domenica spesso mangiamo la Genovese; mi capita di preparare il Gattò quando so che il giorno dopo non avrei tempo di pensare alla cena.

Eppure molte di queste ricette non le ho mai fotografate né pubblicate. Forse perché sono talmente radicate nelle mie abitudini da sembrarmi banali…non so..il “cervello è una sfoglia di cipolla” e devo aver fatto qualche ragionamento che ignoro, che non riesco a ricordare e che non ho voglia di ricostruire!!!

Quindi eccomi qua con una nuova decisione, quella di condividere con voi le tradizioni della mia terra e le ricette della mia famiglia. Anche quelle di contorni veloci, ricette del recupero…quelle che mia mamma custodisce nel suo cuore e che Le ricordano un’epoca in cui la “mozzarella in carrozza” non era una ricetta Gourmet ma un modo di riciclare ingredienti avanzati per fare da mangiare ad una famiglia numerosa.

Come tutte le ricette della tradizione troverete versioni differenti in vari blog perché molte di queste variano di famiglia in famiglia, di provincia in provincia. Non ve ne preoccupare, provatele tutte, ognuna vi farà scoprire qualcosa di nuovo e vi farà provare un’emozione diversa.

Quella che vi propongo oggi è la scarola. C’è chi ci mette solo olive e capperi, chi ci aggiunge qualche noce o dei pinoli, chi preferisce metterci anche due acciughe sott’olio e chi anche l’uvetta.

Mia mamma ci mette tutto…ahahahah!!!! Chiaramente non sempre ma nelle occasioni speciali si. Le occasioni speciali sono Natale ( quando le fa ad involtino e le riempie di tutte queste bontà); ma anche una sera qualunque quando i “suoi bambini” sono a cena; o il giorno del mio compleanno perché sa che le adoro e le utilizza per la pizza di scarole.

Ho usato delle ottime alici sott’olio di Rizzoli Emanuelli che gentilmente mi ha spedito trovando nel mio profilo Instagram tante ricette con gli ingredienti che uso abitualmente e chiedendomi, con mio grande piacere, di diventare taste ambassador.

Vi lascio alla ricetta! Fatemi sapere qual’è la versione di casa vostra e, se le preparare seguendo quella di casa mia, pubblicatela su Instagram e taggatemi!

Ingredienti

1 kg g di scarola pulita
5 cucchiai di olio extra vergine di oliva
2 spicchi di aglio
30 g di pinoli
50 g di uvetta
30 g di capperi
100 g di olive nere
5 alici sott’olio
sale fino (se necessario)

Pulite la scarola e lavatela con acqua fredda avendo cura di sciacquarla più volte. Scolatela e tagliatela a pezzi in modo grossolano. Lasciatela colare in un cola pasta di modo he perda l’acqua.

Prendete un tegame dal bordo alto e metteteci l’olio, l’aglio e i filetti di alici. Fate rosolare il tutto fino a che le acciughe saranno sciolte e l’aglio rosolato. Aggiungete le scarole e coprite il tegame con un coperchio. Lasciate stufare le scarole per circa dieci minuti mescolando di tanto in tanto.

Trascorso questo tempo, togliete il coperchio e alzate la fiamma. Le scarole avranno perso ancora acqua. Aggiungete i pinoli, l’uvetta e le olive nere snocciolate ma intere. Fate insaporire il tutto mescolando di tanto in tanto tenendo sempre la fiamma alta. In questo modo la scarola si insaporirà. Lasciate cuocere fino a che risulterà asciutta. A questo punto assaggiate e, se necessario, aggiungete il sale fino.

Servite come contorno oppure utilizzatele per preparare un bella pizza di scarole.

 

 

Commenta con Facebook
Print Friendly, PDF & Email

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Next Post