Ravioli di patate fritti

7 gennaio 2018lericettediluci2015

Prima che iniziate a leggere voglio avvertirvi che dopo aver visto questa ricetta non riuscirete a togliervela dalla testa e vorrete a tutti i costi prepararla. Almeno per me è stato così. Da quando li ho visti e poi assaggiati qualche mese fa a casa di mia cognata Verena, ho pensato e ripensato "Devo rifarli!!!" ..ma poi, complici anche le festività natalizie, ho dovuto attendere fino a ieri per farlo. 
Lo so, avrei potuto anche evitare visti i bagordi natalizi, ma ho pensato che per la Befana ci voleva proprio una cosina gustosa che ci coccolasse prima di intraprendere la triste operazione di smontaggio albero di Natale e di salutare la famiglia di gnomi che ha vissuto per un mese vicino al mio camino.

Si tratta di una praprazione tipica del Tirolo dove vengono preparati con vari ripieni, tra cui spinaci o finferli, e poi cotti in acqua  e conditi con burro nocciola e parmigiano e serviti. Li amo profondamente già nella loro versione "classica" ed ogni volta che, sopratutto in estate, vado in Tirolo, due dei quattro chili che solitamente riporto a casa sono dovuti a questi morbidi e gustosi ravioli.

Immaginatevi quindi quando ho visto la versione fritta di Verena, servita come antipasto con quel ripieno delicato e caldo che ti conquista. L'impasto è quello della pasta di patate ed è stato realizzato seguendo la ricetta di uno dei miei libri preferiti che mi ha fatto scoprire mia cognata ("Cucinare nelle Dolomiti"). Il ripieno è totalmente copiato da Verena con la sola eccezione dell'erba cipollina che, ahime, non sono riuscita a trovare fresca e ho sostituito con del prezzemolo.

Un consiglio pratico e comodissimo. Se volete potete anche prepararli e congelarli mettendoli su un vassoio ricoperto di carta da forno e poi in freezer. Una volta congelati potrete poi trasferirli in una bustina. All'occorrenza li avrete pronti da friggere. 

Ravioli di patate fritti 2

Ingredienti per 30 ravioli
(per 4 persone)

per la pasta di patate
200 g di patate farinose
1 tuorlo 
1 cucchiaio di burro
150 g di farina 00
noce moscata (facoltativa)
sale fino

per il ripieno
200 g di ricotta fresca
50 g di speck tagliato a cubetti piccolissimi
2 cucchiai di parmigiano grattugiato
1/2 scalogno tagliato a cubetti piccolissimi
1 pizzico di sale
prezzemolo macinato fresco

olio per friggere

ravioli di patate fritti

Preparate la pasta di patate
– Sbucciate le patate, tagliatele a cubetti e cuocetele in acqua salata per 20 minuti circa controllando la cottura con una forchetta. 
– Passate le patate, impastatele ancora calde con il tuorlo d'uovo ed il burro e lasciatele raffreddare
– Unite alla massa di patate la farina, il sale e un pizzico di noce moscata (facoltativa)
– Lavorate il tutto fino ad ottenere un impasto liscio e formate una palla che andrete a mettere da parte coperta da una ciotola

Preparate il ripieno
– Tagliate lo speck e lo scalogno a cubetti molto piccoli. Sminuzzate il prezzemolo fresco
– In una ciotola mettete la ricotta, il parmigiano, un pizzico di sale e mescolate fino ad amalgamare tutti gli ingredienti
– Aggiungete lo scalogno, il prezzemolo e lo speck al composto ed amalgamate il tutto

Preparate i ravioli
– Stendete la pasta di patate con il mattarello su una superficie di lavoro infarinata. Con l'aiuto di un coppapasta ritagliate dei cerchietti di pasta di circa 6 cm di diametro e disponete su ogni cerchietto un cucchiaino scarso di ripieno posizionandolo al centro del cerchio
– Piegate la pasta in modo da ottenere la forma di piccole mezzelune. Premete bene sui bordi per far aderire il tutto in modo da prevenirne l'apertura in cottura.

In un tegame piccolo dal bordo alto mettete l'olio per friggere e fatelo riscaldare. Friggete i ravioli in olio bollente per un paio di minuti per lato. Considerate che la cottura è molto rapida e che la pasta di patate tende a colorarsi velocemente per cui controllateli senza mai allontanarvi.

Serviteli caldi come aperitivo.

ravioli di patate fritti con ripienoNote: Questo tipo di raviolo di patate in Tirolo lo preparano con diversi ripieni come primo piatto facendo cuocere i ravioli in acqua calda per qualche minuto per poi condirli con burro nocciola, il parmigiano e delle foglioline di maggiorana. Come ripieno vengono spesso utilizzati i funghi gallinacci.

Commenta con Facebook
Print Friendly, PDF & Email

4 Comments

  • Luisa

    28 marzo 2018 at 19:52

    Ci sto!

     

  • Luisa

    27 marzo 2018 at 16:34

    wow, ma sono i miei amati schluzkrapfen, in versione fritta! Da preparare assolutamente!

    Le nostre estati sono sempre in Sud Tirolo, nei dintorni di Merano. Quest’anno abbiamo prenotato un appartamento a Riffian, tradendo per la prima volta Pfelders, dove i prezzi sono diventati davvero troppo alti.

    Chissà, se in agosto sarete su magari riusciremo a fare una passeggiata insieme!

    baci

    Luisa

     

    1. lericettediluci2015

      28 marzo 2018 at 16:57

      Ciao Luisa!!!!! si sono proprio loro!!! anche io li amo e ho provato questa versione fritta che prepara sempre mia cognata!!!! Anche io amo quelle zone ed in estate ci trascorro sempre qualche giorno dai parenti di mio marito….è uno dei pochi posti dove mi rigenero del tutto…oltre ad essermi totalmente innamorata della loro cucina!!! Sii, magari riusciamo a farci na bella passeggiata da quelle parti insieme e, perchè no, anche una bella mangiata!! un bacio forte 

  • Ravioli di patate fritti | Ricetta ed ingredienti dei Foodblogger italiani

    9 gennaio 2018 at 4:56

    […] Ravioli di patate fritti sembra essere il primo su Le Ricette di […]

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Next Post