Melanzane indorate, fritte e ripiene

30 Maggio 2016lericettediluci2015

Oggi inizia la Settimana del Fritto. Wow!!!!! Finalmente un motivo per sorvolare la dieta e friggere a più non posso!!!! La frittura è l'universo proibito di tutti noi….sospesi tra il desiderio di essere magri e belli e la voglia di assaporare qualcosa di gustoso, unto e salato. Personalmente non friggo moltissimo ma ritengo che ogni tanto faccia bene sia all'organismo che all'animo!!! 🙂

melanzane

Quando ho letto di questa settimana ho avuto davvero l'imbarazzo della scelta. L'Italia è piena di gustosissimi prodotti da friggere e la Campania ne ha veramente tanti. Qui, infatti, possiamo scegliere tra il dolce ed il salto …tutto rigorosamente fritto: dal più famoso crocchè…alla pasta cresciuta…dal fritto di mare a quello di terra…dallo scagnozzo di polenta al fiore di zucca in pastella, passando per le verdure "indorate e fritte" fino ad arrivare alla graffa con lo zucchero. I napoletani potrebbero mangiare fritto dall'antipasto al dolce!!! 🙂 

Per non parlare della frittatina di bucatini, eccellenza dello street food napoletano.

A Napoli la frittura è talmente radicata nella cultura culinaria che esistono moltissime botteghe che vendono solo fritti e pizze a portafoglio e sono solo da asporto. Qualche anno fa c'è stato il boom delle patate fritte e hanno aperto numerosi negozi in franchising che vendono solo patate fritte "direttamente" da Amsterdam. In occasione dell'inaugurazione di questo negozio, il Signor Davide, proprietario di una storica friggitoria vicino casa mia e di fronte al colosso delle patatine, ha organizzato una sua propria campagna, che ha portato avanti autonomamente senza l'aiuto di esperti marketing e alle vendite. Il giorno dell'inaugurazione del negozio di patatine, Lui ha organizzato una campagna in difesa della "zeppola" spargendo la voce nel quartiere e affiggendo un cartello fai da te. Lo slogan? "LA ZEPPOLA NON DEVE MORIRE!!!" Il risultato?!?!?!? Aveva la file di persone che acquistavano le sue zeppole e paste cresciute!!!!! Questo è uno degli esempi dell'ingengo delle persone…onore a Davide che ha saputo trovare un modo simpatico per proteggere non solo la sua attività ma anche le tradizioni!!!!!

davide

Ho promesso alle calendargirls, a cui ho raccontato dell'episodio mentre discutevamo sulla settimana del fritto, di presentargli il Signor Davide un giorno!

Per questa settimana del fritto l’Ambasciatore è Giovanna Lombardi del Blog Gourmandia. Lei ci introdurrà nel favoloso e vastissimo mondo del fritto raccontandoci la storia e le tradizioni regionali.

Per il mio contributo ho scelto di preparare le Melanzane indorate e fritte ripiene di provola affumicata fresca e basilico. Vi consiglio vivamente di provarle perché sono davvero una bontà. Non sono fatte in pastella ma semplicemente infarinate, poi passate nell’uovo e fritte. Quando sono ancora bollenti vengono messe una sull’altra a coppie di due con dentro una fettina di provola fresca e una foglia di basilico. A contatto con il calore delle melanzane, la provola si scioglie ma non completamente lasciando fuoriuscire il suo latte che penetra leggermente nella melanzana. La foglia di basilico rilascia un aroma gustosissimo.  

 

Melanzane indorate, fritte e ripiene

Ingredienti per 10 porzioni

2 melanzane lunghe

sale fino

farina

2 uova intere

300 g di provola affumicata fresca

basilico fresco

olio di girasole

Prendete le melanzane, lavatele bene e privatele delle due estremità. In una ciotola mettete dell’acqua fredda salata in cui andrete a mettere le melanzane man mano che le tagliate di modo che non scuriscano. Prendete due piatti e mettere in uno della farina e nell’altro le uova che sbatterete dopo averci aggiunto un pizzico di sale. Tagliate le melanzane a dischi alti circa mezzo centimetro.

Prendete una pentolina dal diametro piccolo e dal bordo alto e metteteci dell’olio per friggere (io uso quello di girasole). Portatelo ad alta temperatura.

Consiglio sempre la pentolina piccola per vari motivi: il primo è che userete così meno olio, il secondo è che una buona frittura deve essere immersa nell’olio e la pentola piccola con il bordo alto si presta ed il terzo motivo è che friggendo pochi pezzi alla volta l’olio si raffredderà di meno regalandovi una frittura migliore.

Quando l’olio sarà caldo, passate le melanzane dopo averle strizzate dall’acqua e sale, nell’uovo e poi nella farina e friggetele.

Fatele cuocere per qualche minuto. Quando saranno cotte colatele e ponetele su un foglio di carta assorbente per fritture. Disponete i dischi uno di fianco all’altro e mettete una fettina di provola e una foglia di basilico su una fetta si e una no. Prendete la fetta sulla quale non avete messo la provola e adagiatela sopra a quella imbottita.

In questo modo la provola si scioglierà ed avrete un risultato ottimo. L’unico inconveniente di questa ricetta è che va fatta più o meno al momento perché calda è molto più buona di fredda….ma ne vale la pena…credetemi!!!!!

 

 

Commenta con Facebook
Print Friendly, PDF & Email

1 Comments

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Next Post