Pasta spollichini e cozze

2 Ottobre 2019lericettediluci2015

La pasta (..rigorosamente mista) con gli spollichini e cozze è uno di quei piatti con i quali ho avuto per anni un rapporto di odio per poi innamorarmi follemente.

Gli spollichini sono i fagioli freschi, quelli che si trovano al banco frutta ad agosto ed inizio settembre e che vengono venduti di solito con tutti i baccelli. Prima di cuocerli quindi vanno sbucciati, o come diciamo a Napoli “spullichiati” per questo dalle nostre parti vengono comunemente chiamati spollichini. Il compito di sgranarli, almeno a casa mia, era sempre riservato ai più piccoli. Ricordo che ci mettevano seduti intorno al tavolo e ci facevano fare questo gioco e noi ci divertivamo tanto a fare la gara a chi riusciva a pulirne di più.

Io da bambina i fagioli li odiavo profondamente. Nel senso che il mio palato proprio li rifiutava. Se penso a come mi piacciono oggi e a quanto ho fatto penare mia mamma quando ero piccola mi vine da sorridere. Alla fine li ho sempre mangiati ma solo perchè mi hanno insegnato che non si lascia il piatto pieno a tavola ma la mia cara Giuly potrebbe raccontarvi le grandi fatiche per riuscire a farmi mangiare tutto.

Poi sono diventata adolescente, maggiorenne e poi adulta e ho scoperto che i fagioli insieme alle cozze sono un piatto dal gusto indescrivibile. A quel punto l’innamoramento è avvenuto e da allora provo persino gusto a mangiarli.

Quando penso alle cozze insieme ai fagioli mi viene sempre in mente mio zio Roberto. Lui adorava raccogliere le cozze e passava poi le ore a pulirle. Dopo averle pulite le apriva, le sgusciava e si teneva sempre da parte un mucchietto di cozze con il loro liquido filtrato per aggiungerle alla pasta e fagioli. Così nella mia mente sono impresse le cene estive in giardino con lui seduto a capotavola e noi tutti a gustarci questo piatto. Lui purtroppo non c’è più ma io, ogni volta che penso a questo piatto, mi lascio coccolare dai miei dolci ricordi.

Vi lascio alla ricetta. Potete utilizzare anche i fagioli secchi o quelli in barattolo se non è stagione di spollichini cucinandoli in base alla tipologia di fagiolo che utilizzate.

 Ingredienti per 4 persone
320 g di pasta mista
1 kg di cozze (peso comprensivo di gusci)
1 kg e mezzo di spollichini (peso comprensivo di gusci) – circa 600 g puliti
1 gambo di sedano
2 spicchi d’aglio
8 pomodorini
4 cucchiai di olio extra vergine di oliva
peperoncino fresco
sale fino

Prendete un tegame e metteteci un cucchiaio di olio extra vergine di oliva e uno spicchio di aglio pulito. Aggiungete le cozze dopo averle pulite per bene. Coprite e lasciate aprire le cozze a fiamma alta. Una volta che risulteranno tutte aperte, togliete dal fuoco e sgusciatele. Trasferitele in una ciotolina e filtrate il loro liquido (vi consiglio di utilizzare un colino a maglia stretta nel quale aggiungere un pannetto di lino da cucina oppure della carta da cucina assorbente. Mettete da parte le cozze e il loro liquido.

In una pentola dai bordi alti, preparate un trito di aglio e sedano. Mettete 3 cucchiai di olio extra vergine di oliva nella pentola, aggiungete il trito ed un pezzo di peperoncino fresco intero.
Fate soffriggere ed aggiungete i pomodorini tagliati grossolanamente. Fate cuocere i pomodorini per 5 minuti ed aggiungete gli spollichini. Copriteli di acqua, salate e fate cuocere per un’ora.

Vi consiglio di mettere parallelamente sul fuoco un pentolino di acqua salata da tenere in caldo cosi da averla a portata di mano durante la cottura della pasta che, come da tradizione napoletana, verrà cotta direttamente negli spollichini.

Trascorsa un’ora aggiungete agli spollichini l’acqua delle cozze e la pasta mista. Fate cuocere la pasta mista per il tempo indicato sulla confezione aggiungendo di tanto in tanto dell’acqua se necessario. La consistenza di questo piatto non deve essere nè liquida ne secca (o “azzeccata” come diciamo dalla nostra parti).

Qualche minuto prima di chiudere il fuoco aggiungete le cozze sgusciate e mescolate il tutto.

Buon appetito!!!!!

Commenta con Facebook
Print Friendly, PDF & Email

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Next Post