Penne carciofi, speck e noci

24 Maggio 2016lericettediluci2015

Oggi il Calendario Italiano del Cibo celebra la Giornata Nazionale delle Penne, uno dei formati di pasta più amati..forse solo dopo gli Spaghetti. Non mi ero mai chiesta fin'ora quando e dove fossero nate le penne poichè in Campania vengono utilizzate in molte preparazioni, spesso vengono scelte per essere inondate di Ragù la domenica, altre volte vengono fatte veloci veloci con il pomodorino fresco e il basilico. 

In Campania la tradizione della pasta è molto antica e nasce da un motivo legato alla necessità più che al gusto. Mentre in una fase iniziale, dato il costo elevato del grano, la pasta fu un privilegio per pochi, a metà del '600 , le nuove tecnologie come il torchio meccanico la trasformarono in un alimento adatto alle tasche di tutti tanto che i napoletani acquisirono l'appellativo di MANGIAMACCHERONI. Mia nonna diceva sempre "un piatto di pasta non viene negato a nessuno" e questa sua frase mi viene spesso in mente ..lei lo diceva perchè, avendo trascorso un'infanzia non di benessere, in casa sua si cucinava spesso la pasta perchè con un pacco, reperibile a costi bassi, poteva mangiare tutta la famiglia. Sarà per questo che, pur essendo fortunata per potermi permettere anche alimenti diversi, conservo in me il culto del piatto di pasta come piatto sostanzioso che soddisfa la fame e la gola.

penne 3

Nella tradizione italiana sono molti i modi in cui vengono cucinare le penne: alla Carbonara, alla Boscaiola, alla vodka, al salmone, alla Norcina e chi pi+ù ne ha più ne metta. 

Per approfondire l'argomento vi lascio all' ambasciatrice della giornata, Ilaria Talimani del Blog Soffici, che ci racconterà di questo formato di pasta tanto amato nel nostro paese e dalle svariate possibilità di preparazione. (per l'articolo, cliccate qui)

Io invece vi lascio di seguito il mio contributo. Ho scelto ingredienti che mi piacciono molto ma li ho concepiti in modo tale da non risultare troppo pesanti per la stagione attuale. Spero vi piacciano

 

penne 2

 Penne carciofi, speck e noci

Ingredienti per 2 persone

3 carciofi

2 cucchiai di olio evo

1 spicchio di aglio

prezzemolo tritato

50 g di speck (io ho usato quello del Matese che è magrissimo)

6 noci 

1/2 bicchiere di vino bianco

sale fino

160 g di penne liscie

Pulite i carciofi privandoli prima delle foglie più dure e poi pulite il gambo. Dividete il carciofo a metà e pulitelo al centro eliminando la barbetta interna. LAvateli sotto acqua corrente e tagliateli a listarelle sottili. Tenete quattro fettine sottili intere da parte che andrete a friggere e a porre sul piatto come decorazione.

Mettete i carciofi in una ciotola piena di acqua e limone di modo che non scuriscano. Mettete la pentola con l'acqua sul fuoco. 

Questo piatto è stato concepito per avere una cottura rapida così da risultare più estivo.

Pulite le noci e sminuzzatele grossolanamente. Tagliate lo speck a dadini piccoli e mettetelo da parte. Tritate abbondante prezzemolo e mettetelo da parte.

Prendete una padella ampia e antiaderente e fate soffriggere l'olio e la'aglio intero (che andrete a togliere prima di servire). Quando l'aglio sarà ben rosolato aggiungete i carciofi che avete tagliato precedentemente a listarelle e fateli rosolare a fiamma alta per circa 5 minuti aggiungendo il sale. Trascorso questo tempo aggiungete anche le noci sbriciolate ed il vino e fate cuocere per circa 10 minuti e fino a quanbdo il vino sarà ben evaporato. 

Aggiungete il sale all'acqua della pasta in ebollizione e calate le penne facendole cuocere al dente. Considetate che dovrete spadellarle un pochino quindi colatele molto al dente.

Mentre le penne cuociono, in una piccola padellina friggere le fettine di carciofi che abbiamo tenuto da parte, fino a che non saranno diventate croccanti. Vi occorreranno per decorare il piatto.

Colate le penne ed aggiungetele ai carciofi aggiungendo anche lo spech che non covrà cuocere ma solo amalgamarsi al tutto insieme alla pasta. 

Aggiungete anche il prezzemolo tritato e mischiate il tutto per bene.

Servite calde.

penne 3

Commenta con Facebook
Print Friendly, PDF & Email

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Next Post