Frittata di pasta

25 Aprile 2016lericettediluci2015

La frittata di pasta è, secondo me, una delle preparazioni più goderecce che ci siano. Perchè? Si può mangiare con le mani, si mangia tiepida, fredda o calda ed è sempre buonissima, la porti ovunque…al parco, al mare, in montagna e a lavoro!!!! Per non parlare del profumo inebriante che si diffonde in cucina…

A Napoli per Frittata di pasta si intende la frittata bianca con gli spaghetti. Quella rossa, invece, con la pasta corta, viene definita Frittata di maccheroni. Solitamente la frittata di pasta viene considerata un piatto della cucina del recupero e viene preparata quando avanza della pasta per evitare gli sprechi. A Napoli è un'istituzione e in molti, compresa me, cuociamo la pasta per fare la frittata e non aspettiamo di averne di avanzata per gustare questa bontà.

Nella tradizione napoletana la Frittata di pasta ha origini molto antiche che risalgono ai "maccheronari", i banchetti che cuocevano per strada questo prodotto aggiungendoci formaggio e pepe, lo street food napoletano per eccellenza.

Per me quando si parla di scampagnata, al mare o in montagna, in inverno o in estate si intende la frittata di pasta bianca con formaggio e salame, alta al punto giusto e con gli spaghetti croccanti in superfice


Frittata di pasta 

frittata di pasta 2

Ingredienti per una frittata di pasta alta 4 cm circa con padella di cm … di diametro (per 4 spicchi soddisfacenti.. 🙂 (per 2 persone)
3 uova intere
200 g di spaghetti
50 g di salame napoli
50 g di parmigiano grattugiato
100 g di provola affumicata
pepe nero

Tagliate il salame napoletano a striscette e la provola a dadini. Mettetele da parte. (per la provola, chi di voi la trova sotto forma di latticino fresco può mettere la quantità necessaria alla frittata in frigo per un'oretta di modo che si assorba parte del sugo).

Mettete a bollire dell'acqua per la cottura degli spaghetti e salatela quando inizia a bollire. Appena avrà ripreso il bollo calate gli spaghetti e lasciateli cuocere per il tempo indicato sulla confezione come "al dente". Qualora non sia indicato il tempo per la cottura al dente, calcolate due minuti in meno rispetto ai tempi.

Mentre cuoce la pasta, in una ciotola ampia mettete le uova e iniziate a sbatterle con una frusta o con due forchette. Aggiungete il sale, il parmigiano ed il pepe e continuate a mescolare per amalgamare tutti gli ingredienti.

Prima di colare gli spaghetti mettete sul fuoco una padella antiaderente con dell'olio. Distribuite l'olio (circa 2 cucchiai) su tutta la padella.

Colate la pasta, aggiungetela all'uovo e unite anche il salame e la provola. Con la forchetta mischiate il tutto e mettetelo in padella. Con l'aiuto della forchetta livellate gli spaghetti su tutta l'area della padella. Passate un filino di olio intorno a tutto il bordo della padella girando intorno alla frittata.

Dopo circa 5 minuti, o comunqeu quando sollevando la frittata leggermente con uan forchetta, noterete che è ben cotta, girate la frittata aiutandovi con un coperchio senza bordi. (Per intenderci io ho un vecchio coperchio di alluminio leggero di mia madre tipo quelli che si usavano per bollire le conserve di pomodori) Vi faciliterà nell'operazione più delicata che è quella di girare la frittata. Girate quindi la frittata e fatela cuocere dall'altro lato. Quando sarà cotta da entrambe le parti potete spegnere il fuoco. Se vi piace particolarmente croccante potete girarla una seconda volta per farla dorare ancora di più..io faccio così…mi piace la croccantezza fuori e la morbidezza interna dovuta dal fatto che è alta circa 4 cm.

Fonti

http://www.lucianopignataro.it/a/grande-notizia-ricettafrittata-di-pasta-napoletana-napoli/74902/

frittata di pasta a spicchi

Commenta con Facebook
Print Friendly, PDF & Email

4 Comments

  • Paola

    28 Aprile 2016 at 14:35

    Il mio pasto preferito ad ogni scampagnata! Tra la versione bianca e la rossa, ho sempre preferito la seconda: se dovevo macchiarmi. dovevo faro per bene 😀

    1. lericettediluci2015

      29 Aprile 2016 at 9:20

      eheheh….anche la rossa in effetti ha il suo perchè!!!! 🙂

  • Silvia

    25 Aprile 2016 at 11:12

    Questa frittata mette allegria solo a guardarla, non oso pensare che piacere possa essere mangiarla… di sicuro è stato un piacere averti avuta come contributor con ben due ricette!
    Grazie ancora.

    1. lericettediluci2015

      25 Aprile 2016 at 19:46

      Grazie!!! Per noi é un’istituzione e mi ricorda talmente tanto la mia infanzia che mi ha fatto molto piacere prepararla per questa giornata!

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Next Post