Risotto al limone

22 Aprile 2016lericettediluci2015

risotto al limone

L'altro giorno mi hanno regalato dei meravigliosi limoni appena colti dall'albero, della tipologia chiamata "Femminello".

Queste tipologie di limone vengono coltivati nel sud Italia tra Campania, Puglia, Calabria e Sicilia e sono prodotti a marchio Indicazione Geografica Protetta (IGP). I limoni che ho utilizzato nella mia ricetta sono della zona Campana e viene solitamente denominato Limone di Sorrento. 

Le prime colture specializzate si fanno risalire al corso del '600 ad opera dei Gesuiti. Con ilk termine Limone di Sorrento vengono  indicati i frutti coltivati in tutti i comuni della Penisola Sorrentina e precisamente: Massa Lubrense, Meta, Piano di Sorrento, Sant’Agnello, Sorrento, Vico Equense e Capri.

Il limone Femminello ha una dimensione medio-grossa, con polpa gialla particolarmente succulenta e con un succo particolarmente acido e ricco di vitamina C.e ricco di vitamina C.

Dalla Campani in giù il limone viene utilizzato in moltissime preparazioni dolci e salate ma viene gustato anche come bibita rinfrescante sotto forma di limonata. L'utilizzo infatti del limone nelle bibite era talmente frequente che a Napoli esisteva ed esiste ancora un vero e proprio mestiere: l’acquafrescaio o acquajuolo.

Vendeva acqua fresca e limonataper strada con un carretto con il quale girava per la città. Alcuni, facendo un pò di fortuna, riuscivano persino ad aprirsi un proprio chiostro ornato dai limoni e dalle foglie. Questo chioschetti dalle mie parti esistono ancora e vengono chiamati ‘banca dell’acqua’.

acquafrescaio

Torniamo ai miei limoni che io utilizzo molto in cucina. Essendo belli, freschi e profumati ho approfittato subito per preparare un bel risotto al limone, piatto che amo per la delicatezza ed il gusto.

Ingredienti per 4 persone
320 g di riso carnaroli
1 cipolla media
2 cucchiai di olio
4 cucchiai di parmigiano
2 limoni femminelli grandi (succo e buccia)
1 pizzico di pepe nero
sale
1 litro di brodo vegetale circa

Per il brodo vegetale
1 cipolla
1 carota
1 gambo di sedano
acqua
sale

Prepariamo il brodo vegetale. In una pentola mettete l'acqua, un cucchiaino di sale, una carota pulita, una cipolla a metà e un gambo di sedano e lasciate cuocere per 1 ora. Potete utilizzare anche un dado vegetale..sarà comunque buono anche se personalmente sento la differenza quindi vi esorto a preparare il brodo. Lui cuoce da solo e nel frattempo potete dedicarvi ad altro.

Una volta pronto il brodo sminuzzate la cipolla a pezzetti piccoli. Mettete in una padella l'olio e la cipolla e, non appena l'olio sarà riscaldato, aggiungete il riso e fatelo tostare per circa 3 minuti. Non di più anche perchè la cipolla cuocerà insieme al riso.

Trascorso questo tempo aggiungete poco alla volta il brodo e lasciate cuocere girando di tanto in tanto ed aggiungendo altro brodo quando il riso lo avrà assorbito. Procedete fino a quando il riso darà quasi cotto. Circa 5 minuti prima del tempo di cottura indicato sulla confezione del vostro riso aggiungete il parmigiano, il succo dei limoni e la buccia.

Fate attenzione a non grattugiare anche la parte bianca. Vi consiglio di utilizzare una grattuggia molto stretta. Io ho una microplane che è una grattuggia fatta ad hoc e vi assicuro che per grattugiare molto finemente è eccezionale.

Far insaporire il tutto mescolando fino a cottura ultimata. Servite caldo con una spolverata di pepe macinato fresco.

risotto al limone 2

Fonti

http://www.viedelgusto.it/limoni-igp-itinerario-alla-scoperta-delleccellenza/

L’acquaiuolo: l’antico venditore d’acqua tra le strade di Napoli

https://c6.staticflickr.com/5/4142/4767374637_b47b906227_b.jpg

Commenta con Facebook
Print Friendly, PDF & Email

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Next Post