Parigina napoletana

11 Aprile 2016lericettediluci2015

La Parigina è una focaccia salata di origine napoletana. Se siete stati almeno una volta a Napoli, passeggiando tra le strade del centro, dove ci sono tante pizzerie con il banco da asporto all’ingresso, avrete notato, tra la pizza margherita, le frittatine di pasta e i crocchè, una focaccia quadrata ripiena di prosciutto cotto, provola e pomodoro…la Parigina.

E’ una preparazione da Street Food che non compare nel menù delle pizze da ordinare al tavolo ma viene sempre venduta al banco, da asporto, per essere mangiata al volo…per “soppontare” lo stomaco prima di pranzo o cena.

Si narra che sia stata inventata in una rosticceria di Afragola, agli inizi degli anni ’70. Qui il proprietario pensò di sostituire, ad una focaccia già esistente ripiena di provola, pelati e prosciutto cotto, preparata con il doppio strato di impasto, uno strato di pasta sfoglia.

La scelta di questo nome non è certo ma sembrerebbe originare dall’utilizzo della pasta sfoglia la cui “moderna” preparazione (che prevede il burro al posto dell’olio) è contesa tra due chef di origine francese.

Con questa ricetta, partecipo come contributor alla Settimana delle Focacce per il Calendario Italiano del Cibo per l’Associazione Italiana Food Blogger.

Ambasciatrice della Settimana è Monica Costa del Blog Fotocibiamo che ci racconta la storia delle Focacce, una delle più grandi meraviglie del cibo.

La Parigina

Ingredienti per una parigina per 4 persone
1 dose di impasto per la pizza
1 foglio di pasta sfoglia
1 barattoli di pelati
150 g di prosciutto cotto
250 g di provola
2 cucchiai di parmigiano grattugiato
olio evo e sale per condire il pelato

Ingredienti per l’impasto

150 g di farina manitoba
150 g di farina 00
1/2 cubetto di lievito di birra
50 ml di olio evo
1 cucchiaino di zucchero
sale q.b.
100 ml di acqua tiepida

Se avete un’impastatrice o un robot da cucina potete mettere tutti gli ingredienti nella planetaria ad eccezione del sale ed impastare energicamente per 30 secondi. Alla fine aggiungerete il sale ed impasterete per altri 20 secondi.

Per la preparazione manuale invece iniziare dall’acqua. In una ciotola mettere l’acqua tiepida, lo zucchero e il lievito e sciogliere il tutto completamente. Aggiungere le farine e lavorare energicamente fino ad ottenere un impasto che non si appiccichi alle mani. Aggiungere il sale e continuare a lavorare l’impasto trasferendolo su una spianatoia. Il giusto movimento per impastare fino all’interno è spingere il dorso della mano all’interno per poi arrotolare l’impasto e ripetere il movimento.

Per prima cosa preparare l’impasto base della pizza e lasciarlo crescere per almeno un paio di ore. (Vi consiglio di lasciarlo crescere in forno con la luce accesa oppure avvolgendo la ciotola prima in uno strofinaccio e poi in una coperta).

Passato il tempo necessario alla lievitazione dell’impasto, accendete il forno a 180° e fatelo riscaldare.

Nel frattempo prendete una teglia rettangolare, cospargetela di olio e stendeteci su tutta la superficie l’impasto della pizza.

Cominciate con l’imbottituta. Stendete le fette di prosciutto cotto su tutta l’area lasciando un bordo laterale che vi servirà per chiudere l’impasto con la pasta sfoglia.

Tagliate la provola a striscette non troppo spesse (circa mezzo centimetro) e distribuitela sulla pizza.

In una ciotola condire i pomodori pelati con un cucchiaio di olio evo e un pizzico di sale fino e mescolare con una forchetta tagliando a pezzi i pelati e distribuitelo sulla pizza.

Cospargere due cucchiai di parmigiano grattugiato sui pelati.

Chiudete la parigina con il foglio di pasta sfoglia, accavallate la pettola dell’impasto di pizza sulla pasta sfoglia creando il bordo. Punzecchiate la pasta sfoglia con una forchetta e cospargetela con un uovo intero.

Cuocete per circa 30 minuti.

Servite tiepida!

Fonti:

La ricetta di Giò: la Pizza parigina

 

 

 

Commenta con Facebook
Print Friendly, PDF & Email

4 Comments

  • Monica

    14 Aprile 2016 at 8:29

    Mi piace tantissimo e, non so perché, ma è un sacco di tempo che non la preparo!! Non conoscevo la sua storia…amo le focacce e questa settimana mi ha dato modo di scoprirne di favolose!!! Immagino il profumo…

    Un abbraccio e buona settimana della focaccia
    Monica

    1. lericettediluci2015

      14 Aprile 2016 at 9:36

      allora sono contenta di avertela fatta ricordare!!!!!! a me piace tantissimo perchè la trovo gustosa e sugosa al punto giusto!!!! buona settimana della focaccia anche a te!!! 🙂

  • Camilla

    12 Aprile 2016 at 11:06

    Complimenti. Ottima ricetta! 😛
    Buona settimana della Focaccia.

    1. lericettediluci2015

      12 Aprile 2016 at 12:38

      Grazie!!!! Buona settimana della focaccia anche a te!!!!!! 🙂

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Next Post